LAURA

Lascia che ti pensi
ricordando uno sguardo
colmo di presenze
e sogni incantevoli;
il futuro nel vuoto
di una vita triste
ha occhi vergini
d’un anima generosa.
Lascia che ricordi
attimi senza tempo
fiabe lunari, candide,
viaggi tra le nuvole
allucinanti colori
d’amori inseguiti sempre.
Lascia che ti pensi
grande amore mio
non del passato
anche senza futuro
Laura, inebriatomi
in chimere immense
del mio povero universo.

NINO NEMO, 1999