Le infinite sfumature dialettali da ascoltare e da leggere

NOCC

  • ‘L tò respir regolar
  • ‘n costa manéra,
  • chi, vsin a mi,
  • me n’onda dël mar,
  • l’è ‘na nòta ligéra
  • ch’ a galègia ‘nt ël top,
  • me ‘na nèbia ‘n pò matinéra.
  • E ‘ntant la ment, dròla,
  • a la viagia p’ël tèmp
  • ën manéra ‘n po’ fòla.
  • Arcord già lontan,
  • fastidi d’ëncheuj,
  • pensé për ëdman,
  • dint’ës lecc
  • me ‘nt ën bocc.
  • ‘N tant lontan
  • un can
  • ‘l baja ‘nt la nocc.

NOTTE

  • Il tuo respiro regolare
  • in questa maniera,
  • come un’onda del mare,
  • qui, vicino a me,
  • è una nota leggera
  • che galleggia nel buio,
  • come una nebbia un po’ mattiniera.
  • E intanto la mente, un po’ strana,
  • viaggia nel tempo
  • in maniera un po’ stupida.
  • Ricordi già lontani,
  • problemi di oggi,
  • pensieri per il domani,
  • dentro ‘sto letto
  • come in un buco.
  • Intanto lontano
  • un cane
  • abbaia nella notte.

NATAL

  • Brich, pra e pais
  • a son già carià ‘d fiòca
  • su për la nossa val.
  • Ës và ënvèr Natal.
  •  
  • Arlong dië stra e dij piasse
  • dij lum e dij feston
  • con ‘d j ande original.
  • L’è dré rivé Natal.
  •  
  • Dinta ‘n të cà
  • tucc ës preparo
  • për fé ‘n regal.
  • L’è për Natal.
  • Ën tut ël mond
  • cost l’è ‘n dì ‘d pas,
  • gnun dovria vrì mal.
  • L’è ‘l dì d’ Natal.

NATALE

  • Cime, prati e paesi
  • son già carichi di neve
  • su per la nostra valle.
  • Si va verso Natale
  • Lungo le strade e le piazze
  • delle luci e dei festoni
  • con degli aspetti originali.
  • Sta arrivando Natale.
  •  
  • Dentro alle case
  • tutti si preparano
  • per fare un regalo.
  • E’ per Natale
  • In tutto il mondo
  • questo è un giorno di pace,
  • nessuno dovrebbe voler male.
  • E’ il giorno di Natale.

LAGHËTT ËD MONTAGNA

  • Pëndu lassù, là, ‘n s’l aut
  • copù che ‘l vòl d’ ij usej,
  • con tut ëntòrn d’ ij ròch
  • drocà da ‘nt la parej
  • con gran ciadel e saut,
  • durà për ën bel tòch,
  • rancà dal caud e’l ĝel.
  • Ë mi’t më smije n’eucc
  • ch’a varda su, sël cel,
  • për piéte tut ël bleu
  • e ten-it lo ‘nt ël frëcc,
  • për rendlo tòst o peu.
  • ‘T më smie ‘me n’autar,
  • da‘n te l’eva ëncamin-a
  • sua strà për rivé ‘l mar
  • a rendije ‘l so colòr,
  • sempe j sia nen suci-na.
  • Setà chì su, s‘na lòsa,
  • sensa fé gnun rumòr,
  • ‘nt ‘sa luce ch’a m’ërpòsa,
  • vard nivole e nivlëtt
  • viagé, me fùiss s’ën lecc
  • dinta ‘ntë cost laghëtt,
  • che ‘ntant ij fa da specc
  • a ij briche lì d’ëdzòr
  • e ij dëntòr d’ës lag, ënté
  • vëgh memorie ‘d vecc giascé.

LAGHETTO DI MONTAGNA

  • Sospeso lassù, là, su in alto
  • più del volo degli uccelli,
  • con tutto intorno rocce
  • cadute dalla parete
  • con gran fracasso e salti,
  • durati per un bel po’,
  • strappati da caldo e gelo.
  • E a me sembri un occhio
  • che guarda su, nel cielo,
  • per prenderti tutto il blu
  • e tenertelo nel freddo
  • per renderlo prima o poi.
  • Tu mi sembri come un altare,
  • da dove l’acqua incomincia
  • la sua strada per arrivare al mare
  • a restituire il suo colore,
  • sempre che non ci sia siccità.
  • Seduto qui, su d’una lastra,
  • senza far nessun rumore,
  • in questa luce che mi riposa,
  • guardo nuvole e nuvolette
  • viaggiare, come fosse un letto,
  • dentro a questo laghetto,
  • che intanto fa da specchio
  • alle cime lì di sopra,
  • e ai dintorni di questo lago, dove
  • vedo memorie di vecchi ghiacciai.

PRIMAVERA

  • La prima, ëndiferenta ai nosse peuj,
  • ma sempe pontoal e luminosa,
  • l’è dré a spataré p’ij pra
  • fiòr bianche me linseuj,
  • fiòr giaone, rosse, reusa,
  • ëntant che ‘l bosch s’ërpòsa,
  • spëciand la sua butà,
  • s’ën lecc ëd foije sëcche.
  • La fiòca, ‘n su, ‘s n’ën và
  • daj bonde e da ‘n sëj bëcche.
  • Për nui chi, dint’ ën cà,
  • ch’a smia pu mè ‘na stansa,
  • la prima sëj bosch e pra
  • vò dene ’nco’na speransa,
  • speransa che la prima la sia ‘l sëgn
  • che ‘l mond, l’òm e la vita
  • j la vagno’nco ‘na vira sël malëgn.

PRIMAVERA

  • La primavera, indifferente alle nostre paure,
  • ma sempre puntuale e luminosa,
  • sta spargendo per i prati
  • fiori bianchi come lenzuola,
  • fiori gialli, rossi, rosa,
  • intanto che il bosco si riposa,
  • aspettando la sua germogliata,
  • su di un letto di foglie secche.
  • La neve, in su, se ne va
  • dai canali e da sulle cime.
  • Per noi, qui, chiusi in casa,
  • che ci pare solo più una stanza,
  • le primavera sui boschi e prati,
  • vuole darci ancora una speranza,
  • speranza che la primavera sia il segno
  • che il mondo, l’uomo e la vita
  • la vincano ancora una volta sul malanno.

ËVSINANSE

  • ‘T m’ësmìe ‘me ‘n cit feu,
  • quand che metà ‘d la nòcc
  • ëm lev sensa dësgéte,
  • bogiand- me al top, e peu,
  • ‘dess ch’a l’è sot Natal,
  • tornand dint’ënt ël lecc,
  • m’a smia gnanca mal
  • scèrché da caresséte
  • e robéte ‘n po’ ‘d calòr.
  • Ma qui coglià, dormend për finta,
  • vardand ‘d fé gnun romòr,
  • i scerch da vardé dinta,
  • dinta ‘ntë noss cheur vecc,
  • e ij tròv ‘nco tant amòr,
  • amòr che sòra tut ël vagna,
  • amòr tra nui, p’ël mond e la montagna.

VICINANZE

  • Mi sembri come un piccolo fuoco
  • quando a metà della notte
  • mi alzo senza svegliarti,
  • muovendomi al buio, e poi
  • adesso che siamo sotto Natale,
  • tornando dentro al letto,
  • non mi pare neanche male
  • cercare di accarezzarti
  • e rubarti un po’ di calore.
  • Ma qui coricato, dormendo per finta,
  • attento a non far alcun rumore,
  • io cerco di guardare dentro,
  • dentro ai nostri vecchi cuori,
  • e vi trovo ancora tanto amore,
  • amore che su tutto vince,
  • amore tra noi, per il mondo e la montagna.

ALP CAMP

  • Lassù, aut sël valon
  • ch’al men-a al Cravil,
  • mes ëscondu da fianch a ‘n coston
  • dël Bonòm, piassà ‘me ‘n pontil
  • pròpe sota ‘l Còl d’Isolà,
  • s’ën sënté ch’a rampia tra ciapej solì,
  • lì d’ëntòrn, prà pien d’erbëte,
  • s’a t’è vòja ‘d marcé
  • ‘t rive a l’Alp dël Camp di Valëte.
  • La, sù sël Camp, për pò pre vint agn,
  • ‘na vira l’ann, mi e me amis Pero
  • andavo për pié toma e macagn.
  • Tillio, ‘l marghé,ver òmo ‘d montagna,
  • lë dsia sempe, da già chi j ero,
  • a Caterina , sua fomna e compagna,
  • da féne disné, mangé da alpin
  • a polenta e lacc, formagg e vin.
  • Un pòst ësplendid e tra ver amis,
  • sensassion fòrte, rumòr e odòr,
  • ròbe ch’ët resto për sempe
  • piantà’nt la ment e ‘nt ël còr.

ALPE CAMPO

  • Lassù, in alto sul vallone
  • che porta al Cravile,
  • mezzo nascosto di fianco a un costone
  • del Bonom, posto come un balcone
  • proprio sotto al Colle d’Isolà
  • un sentiero che arrampica tra pietraie soleggiate,
  • e intorno prati pieni di erbette,
  • se ti va di camminare
  • arrivi all’Alpe di Campo “delle Valëtte”
  • Là, su al Campo, più o meno per vent’anni,
  • una volta all’anno io e il mio amico Piero
  • andavamo a prendere tome e maccagno.
  • Tillio, il margaro, vero uomo di montagna,
  • diceva sempre, già che c’eravamo,
  • a Caterina, sua moglie e compagna,
  • di prepararci il pranzo, mangiare da alpino
  • a polenta e latte, formaggi e vino.
  • Un posto splendidi e tra veri amici,
  • sensazioni forti, rumori e odori,
  • cose che restano per sempre
  • piantati nella mente e nel cuore.

TRE STÈJLE

  • Dinta sto mar ëd peuj e ĝel,
  • top, sensa pù cognission,
  • j oma tre steile ‘n cel
  • ch’ën dan tre diression.
  • ‘L prim pòrt a l’è la sciènsa
  • ch’ën me-na a la rason.
  • Peu dòp j è la speransa
  • a gavéne tancc magun.
  • Ma‘l pòrt, di coi pu bej,
  • l’è col ëd la passiènsa
  • che con ën po’ ‘d passion
  • e ‘nsèma ëd la coscènsa
  • po’ féne tucc fratej.

TRE STELLE

  • Dentro a ‘sto mare di paura e gelo,
  • buio, senza più cognizioni,
  • abbiamo tre stelle in cielo
  • che ci danno tre direzioni.
  • Il primo porto è la scienza,
  • che ci conduce alla ragione.
  • Poi dopo c’è la speranza
  • a toglierci tante angosce.
  • Ma il porto, dei più belli,
  • è quello della pazienza,
  • che con un po’ di passione,
  • e insieme di coscienza,
  • può renderci tutti fratelli

ATIM

  • Tuta la vita
  • l’è ‘n seguit d’atim,
  • quatr’ eucc
  • ch’a s’ fisso,
  • quat man
  • ch’ëntant s’ësfiòro,
  • peul esse amòr
  • për sempe.

ATTIMI

  • Tutta la vita
  • è un susseguirsi d’attimi,
  • quattr’occhi
  • che si fissano,
  • quattro mani
  • che intanto si sfiorano,
  • può essere amore
  • per sempre.

CÀ MIA

  • ‘N té l’è cà mia?
  • Masnà, ën tij cà di mè grand,
  • quand che mia mare l’è via,
  • vidoa e sola
  • a desse da fé travajand,
  • e mi a l’asilo e a scòla.
  • Da giòvo cà mia,
  • a l’è la cassin-a ‘d na magna,
  • po’ esse ‘l solé ‘d ën amis,
  • ò quaj rifugio ‘n montagna,
  • passé ‘l temp fra cantade e soris.
  •  
  • Peu j crëss via via
  • cà di n’òmm giust e dricc,
  • ma la sent pa nen mia,
  • përchè l’è cà d’aficc.
  • Dòp, son mi a ‘ndé via,
  • për ël mond trvajé,
  • prové gòj e magon,
  • ma sempe ‘n cà d’ën padron,
  • e ‘vei sempe gran vòja
  • ‘d torné vogghe ‘l Mocron.
  •  
  • A l’ha capitame, quaich’vira,
  • ëd sent’me cà mia
  • marciand ënt un bosch, sensa mira,
  • sensa pù gnun-e vòje,
  • mé marcé, respiré ‘l fià dij fòie.
  • ‘Dess da vecc, i j ho ‘n sëntòr ën sen,
  • mi son sucur che cà mia, a l’è,
  • ën te ca j è
  • ci ch’ën veu ben.

CASA MIA

  • Dov’è casa mia?
  • Da piccolo nelle case dei miei nonni
  • quando mia madre è via,
  • vedova e sola,
  • a darsi da fare lavorando,
  • ed io all’asilo e a scuola.
  • Da giovane casa mia
  • è la cascina di una prozia,
  • può essere il solaio d’un amico,
  • o qualche rifugio in montagna
  • a passare il tempo tra canti e sorrisi.
  •  
  • Poi cresco via via
  • a casa d’un uomo giusto e dritto,
  • ma non la sento mia,
  • perché è una casa d’affitto.
  • Dopo sono io ad andar via
  • per il mondo a lavorare,
  • a provare gioie e dispiaceri,
  • ma sempre in case di un padrone,
  • e avere sempre una gran voglia
  • di tornare a vedere il Mucrone.
  •  
  • M’è capitato qualche volta
  • di sentirmi a casa mia
  • camminando in un bosco senza meta,
  • senza più nessuna voglia,
  • solo camminare, respirare il sentore delle foglie.
  • Ora vecchio, ho un sentimento in seno,
  • sono sicuro che casa mia è
  • là dove c’è
  • chi mi vuol bene.

DÒPO LA FESTA

  • Dòpo ‘sta bura d’augure e compliment
  • me car amis e amise, son content
  • d’avejve chì ‘nt ël cheur,e ‘nt la mia ment.
  • GRASSIE

DOPO LA FESTA

  • Dopo quest’alluvione di auguri e complimenti
  • miei cari amici e amiche, sono contento
  • di avervi qui nel cuore e nella mia mente.
  • GRAZIE

SËNTÈ

  • A l’è stacc pròpe ‘l me prim sënté,
  • col p’andé scòla, su për Paognan,
  • e quase sempe da sòl e a pé,
  • ma j andava peu nen tant lontan.
  • Dòpo quaj agn, për féla breve,
  • ‘na bèla matin, ën pò frëgia e topa,
  • ‘n me professor, ch’a l’era preve,
  • l’ha mname ‘n sù, s’ël sënté për Oropa
  • e ‘l ha ‘n-namorame ‘d montagne e sënté.
  • Dòp ij quatòrdes agn, d’ij pu bej,
  • con tucc j amis dël CAI e ‘d la Pero
  • son andà via për sënté, crëste e parej
  • sempe pu sù, ‘rbiciolù me ch’ ij ero.
  • Peu lë Stat l’ha ciamame a soldà,
  • e mi son partì, ma grassie a lòr,
  • a girolé, ben content, son andà
  • për ij grandios sënté dël Cador.
  • Dòp j ho mai pu chità da scerché,
  • su për j briche, për vaj e boschin-e
  • ‘nté ch’a ‘ncamin-o e finisso ij sënté,
  • se d’n’aotra stra, da pais, daj cassin-e.
  • Adess, prima o peu, fòrsa da giré riond,
  • vist ch’j son ‘nviarà aj noanta,
  • trovrò ‘d sucur ël senté për l’aot mond.

SENTIERI

  • È stato proprio il mio primo sentiero
  • quello per andare a scuola, su per Pavignano,
  • e quasi sempre da solo e a piedi,
  • ma non andava poi tanto lontano.
  • Dopo qualche anno, per farla breve,
  • una bella mattina, un po’ fredda e buia,
  • un mio professore, che era prete,
  • mi ha portato in su, sul sentiero per Oropa,
  • e mi ha innamorato di montagna e sentieri.
  • Dopo i quattordici anni, dei più belli,
  • con tutti gli amici del CAI e della Pero
  • sono andato via per sentieri, creste e pareti,
  • sempre più su, disinvolti com’eravamo.
  • Poi lo Stato mi ha chiamato a soldato,
  • e io son partito, ma grazie a loro,
  • a gironzolare, ben contento, sono andato
  • per i grandiosi sentieri del Cadore.
  • Dopo non ho mai più smesso di cercare
  • su per bricchi, per valli e boscaglie
  • dove cominciano e finiscono i sentieri,
  • se da un’altra strada, da paesi, da cascine.
  • Adesso, prima o poi, a forza di girare in tondo,
  • visto che sono avviato verso i novanta,
  • troverò di sicuro il sentiero per l’altro mondo.

15/01/2022 - Testi e voce di Gigi Vaglio

Biellaclub.it offre una panoramica sul biellese. E' un grande archivio che si migliora nel tempo. Tutto il materiale è pubblicato gratuitamente. Il nostro unico obiettivo è di valorizzare il biellese. Tutti possono aderire al progetto e collaborare.


Credits
questo sito appartiene a chiunque abbia contribuito alla sua crescita nel tempo. E' utile e gradita qualsiasi collaborazione, anche solo occasionale. Per contattarci o inviare materiale: biellaclub@gmail.com