Le infinite sfumature dialettali: brani da ascoltare e da leggere

Che vita

  • La vita smia ‘n pòch al gieugh dël lot,
  • ‘n te venta nomè avej ij numer giust,
  • dël vire peu t’a smia ‘n gran casot
  • ‘n te ‘t toca da giughé con dadi frust.
  • E ‘n dì, ch’a peulo fin-a esse d’ij agn,
  • a càpita ch’ëd dà con un barot,
  • l’è antlòra ch’a venta ch’a ‘t capisse
  • che ‘l mal l’è nen nomé p’ij dagn,
  • l’è ‘l risigh d’andé fòra dal sucòt.
  • La vita, se t’è nen, peu, dij gran visse,
  • peul l’improvis gavète daj magon,
  • livrète ‘d tucc ij mal e tucc j’ëdlòr,
  • e ‘ntlòra a ti ch’a t’ëstupisse,
  • ët fa capì che ‘n tuta ‘sta question,
  • j’è mé ‘na roba sola da varnè, e l’è l’amòr.
  • L’amòr p’ël mè pais, mia tèra,la montagna,
  • për tucc ci c’a ‘m vò ben e për ij amis,
  • sutut la mia famija,j mé fieuj la mia compagna.
  • Vrijs smon-e quaich conseil,ma nomè ‘n fris
  • për spatarè dl’ amòr ësvens së stànta,
  • scerché da piè la vita, sempe con un soris,
  • vghirè che amòr l’è bel, fin-a ben dop ij otanta.
  • Prové, dème damenta!

Che vita

  • La vita sembra un po’ al gioco del lotto,
  • ove bisogna solo avere i numeri giusti,
  • a volte poi ti sembra un gran casotto
  • ove ti tocca di giocare con dadi frusti.
  • E,un giorno,che possono essere anche anni,
  • capita che ti picchia con un bastone,
  • è allora che bisogna che tu capisca
  • che il male non è solo per i danni,
  • è il rischio di andare fuori di testa.
  • La vita,se non hai poi dei gran vizi,
  • può all’improvviso toglierti dai guai,
  • liberarti da tutti i mali,tutti i dolori,
  • e allora a te che ti stupisci,
  • ti fa capire che in tutta questa questione,
  • c’e una cosa sola da custodire,ed è l’amore.
  • L’amore per il mio paese, la mia terra, la montagna,
  • per tutti quelli che mi vogliono bene e per gli amici,
  • soprattutto la mia famiglia, i miei figli, la mia compagna.
  • Vorrei offrire qualche consiglio, ma solo un pò:
  • per spargere dell’amore sovente si stenta,
  • cercate di prendere la vita con un sorriso,
  • vedrete che amore è bello, anche ben dopo gli ottanta.
  • Provate, datemi retta!

Destin

  • Parej ‘d ‘na spërlà ‘d sòl
  • a la fin ‘d la buféra;
  • ‘me l’ultima lama ‘d luce,
  • quand che ‘l dì dventa séra;
  • ‘me fé ij ultim ësfors
  • ver’ ël còlm ‘d la salìta,
  • ti, quand t’è rivà da mi
  • t’è ‘rtorname la vita.
  • ‘Sta vita che svens
  • l’ha pù gnu-ne rason,
  • dël vire t’ësmia
  • ch’a l’abbia pù sens.
  • ‘Sta vita ch’a và
  • nvèr la soa conclusion.
  • La vita ‘t la salva nomè l’amòr,
  • l’amòr, ch’a l’ha gnu-ne stagion.

Destino

  • Come uno sprazzo di sole
  • alla fine della bufera,
  • come l’ultima lama di luce
  • quando il dì si fa sera,
  • come gli ultimi sforzi
  • verso la cima della salita,
  • tu, quando sei giunta da me,
  • m’hai rinnovato la vita.
  • Questa vita che sovente
  • non ha più alcuna ragione,
  • a volte ti sembra
  • che non abbia più senso.
  • Questa vita che va
  • verso la sua conclusione.
  • La vita te la salva solo l’amore,
  • l’amor che non ha nessuna stagione.

Otugn

  • Otugn, che ‘me ‘n pitòr
  • ‘l colòra brich e bosch
  • con ombre e con colòr
  • ën pò brilant ò fosch.
  • Otugn, an porta ij frut
  • pu bon ‘d la nossa tèra,
  • ij color ‘ntant fan guèra
  • për esse coj pu bej,
  • për esse ij mej che tut,
  • pu che piume d’ usej.
  • D’ ij biole, con fojette d’òr,
  • a j ròl e j fò con fòje ‘d brons
  • për blaghè ‘pò ‘ntra lòr.
  • Sël pian ij pobie, foje d’argent
  • për ogni minima filuria ‘d vent,
  • e ‘n su ij brengule, uge ‘d coram,
  • a dvento tute colòr d’l’aram.
  • Peu ‘l sòl ës bassa ‘n cél,
  • j ven la stagion dël ĝél,
  • ij fòie tute quante
  • ven-o giù da‘nt ij piante,
  • fan tamme ‘n matërass
  • ‘nte fa piasì ‘ndé a spass
  • p’ij prà e p’ ij sëntè
  • a sentie scrosse sot’ij pé.

Autunno

  • Autunno, che come un pittore
  • colora colline e boschi
  • con ombre e con colori
  • un po’ brillanti o foschi.
  • Autunno ci porta i frutti
  • più buoni di nostra terra,
  • i colori intanto fan guerra
  • per essere quelli più belli,
  • per essere i meglio di tutto,
  • più che piume d’uccelli.
  • Dalle betulle con fogliette d’oro,
  • alle querce ai faggi con foglie di bronzo
  • per esibirsi fra loro.
  • Al piano i pioppi, foglie d’argento
  • per ogni minimo alito di vento,
  • e in su i larici, con aghi come cuoio,
  • diventano tutti colore del rame.
  • Poi il sole s’abbassa in cielo,
  • viene la stagione del gelo,
  • le foglie tutte quante
  • vengon giù dalle piante,
  • fan come un materasso
  • ove fa piacere andare a spasso
  • per i prati e per i sentieri
  • a sentirle scrocchiare sotto i piedi

Nivole e arcord

  • Vardava ‘na matin,
  • ‘tra ‘l Monbaron e ‘l Cuch,
  • ‘na fila ëd nivolin
  • aosesse su p’ij truch,
  • ‘me fioch ëd bambasin.
  • E alòra ‘m tòrna ‘n ment
  • dëi lontan-e stagion,
  • che niaut, giovo e content
  • con còrda, ciòv e moscheton,
  • passavo ai Bose, a saluté ‘l Fatin,
  • peu, con abastansa vèro cognission,
  • rampiavo p’la Piacensa o ‘l canalin,
  • spostand-se dop sël Limbo p’ël coston,
  • sfrutand cadèn-e, ij corde e jë scalin,
  • rivavo dricc s’la puncia dël Mocron.
  • Sarìa gnanca da di
  • con tucc a ‘sti carvè,
  • ma ‘ncheuj troveme chì
  • l’è ‘na gròssa emossion.

Nuovole e ricordi

  • Guardavo una mattina,
  • tra il Mombarone e il Cucco,
  • una fila di nuvoline
  • alzarsi su per le balze
  • come fiocchi di bambagia.
  • E allora mi torna in mente
  • delle lontane stagioni,
  • quando noialtri, giovani e contenti
  • con corda, chiodi e moschettoni,
  • passavamo dalle Bose, a salutare il Fatin,
  • poi, con abbastanza poco buonsenso,
  • arrampicavamo su per la Piacenza o il Canalino,
  • spostandoci dopo verso il Limbo per il costone,
  • sfruttandone catene, corde e gli scalini,
  • arrivavamo dritti sulla punta del Mucrone.
  • Non sarebbe neanche da dire
  • con tutte ste primavere,
  • ma oggi ritrovarmi qui
  • è una grande emozione.

15/05/2019 - Testi e voce di Gigi Vaglio
Registrazione audio di Deanna Gatta


Biellaclub.it offre una panoramica sul biellese. E' un grande archivio che si migliora nel tempo. Tutto il materiale è pubblicato gratuitamente. Il nostro unico obiettivo è di valorizzare il biellese. Tutti possono aderire al progetto e collaborare.


Credits
questo sito appartiene a chiunque abbia contribuito alla sua crescita nel tempo. E' utile e gradita qualsiasi collaborazione, anche solo occasionale. Per contattarci o inviare materiale: biellaclub@gmail.com