Biellaclub

Biella: i Giardini Zumaglini

realizzati nel 1876, mantengono ancora alberi risalenti a quella data

articolo fornito dal bisettimanale La Nuova Provincia di Biella

+ ingranisci carattere   - diminuisci carattere

I giardini pubblici dedicati alla memoria di Antonio Maurizio Zumaglini, medico, botanico, filantropo (1804/1865) sono un grande polmone verde al centro della città. La prima idea di creare il parco risale al 1856 subito dopo la realizzazione della stazione ferroviaria; i giardini vennero però realizzati solo dopo 20 anni, nel 1876, a seguito di diversi problemi burocratici e soprattutto economici che ne ritardarono per anni la costruzione; l'area, coltivata con filari di viti, piante di noci e vari orti, era la zona di passaggio tra la parte abitata e la campagna. La costruzione della nuova stazione, diventata la porta di ingresso della città, rendeva necessario trasformare la zona in un'area di rappresentanza che potesse dare maggiore decoro e risalto a Biella. L'ing. Danese fu incaricato dell'ultimo progetto, presentò due elaborati al Consiglio Comunale che scelse il meno dispendioso. Il progetto si realizzo' sacrificando la Piazza D'Armi, venduta come area edificabile per finanziare i lavori. Il progetto, dopo aver individuato un piccolo spazio per la nuova Piazza d'Armi, scelse di mantenere un asse centrale che simmetricamente divideva il giardino in due parti uguali e prevedeva una imponente e prestigiosa scalinata davanti la stazione che portava ad una elegante terrazza impreziosita da una balaustra. Gli apparati decorativi del progetto erano stati pensati con precisione e cura influenzati dal periodo vittoriano. Purtroppo ci furono diversi e ripetuti tagli alle spese che portarono all’eliminazione della balaustra, della scalinata e di molti altri lavori, addirittura anche le aiuole vennero semplificate a tal scopo. Anche la scelta delle piante fu influenzata più dal costo che dalla qualità. Alla fine i giardini risultarono molto diversi e molto meno imponenti rispetto al progetto iniziale.
Non ci fu nemmeno una vera e propria inaugurazione, il giardino venne messo a disposizione della popolazione man mano finivano i lavori. L'unica vera inaugurazione avvenne nel 1886 al monumento dedicato a Giuseppe Garibaldi e dell'orso che oggi ancora vediamo, simbolo della città di Biella. L'edificio più significativo dei Giardini Zumaglini è l'ex abitazione del custode (mai utilizzato a tale scopo) oggi sede dell'ATL Azienda di Promozione Turistica.
A distanza di 50 anni finalmente il parco fu realizzato per intero e ampliato sull'area della Piazza d'Armi, decisione dettata più dalle esigenze che da motivi puramente estetici: i giardini assunsero un ruolo ricreativo e di ritrovo per tutta la comunità. Venne realizzato il palco della musica, poco utilizzato nel tempo. Nel secondo dopoguerra venne creato sul lato di via Garibaldi uno spazio giochi per i bambini che snaturò completamente il disegno originario del parco creando numerose proteste da parte dei cittadini. I lavori di manutenzione dal 1996 al 2003 hanno finalmente ridato lustro ai giardini: sono state ripristinate le aiuole, ricostruite le cunette in acciottolato, rifatti i percorsi inghiaiati, rinnovati gli arredi e i giochi dei bimbi, rifatte le alberature dei viali perimetrali e la pavimentazione in cubetti in porfido dei viali centrali. Per quanto riguarda la vegetazione possiamo dire che negli anni ‘30 ci fu una classificazione e la posa di cartelli che ne indicavano la specie. Sono ancora presenti alberi piantati nel 1876, possiamo infatti ancora ammirare il maestoso grande cedro o le imponenti sequoie, mentre diversi altri sono stati via via sostituiti col passare del tempo.


biellaclub
20 febbraio 2013


home page Questa pagina vuole essere un piccolo contributo per mostrare la storia, la cultura o le tradizioni del Biellese. Il progetto di Biellaclub è la realizzazione di un grande archivio di facile e libera consultazione.
L'inserimento del materiale sul sito è aperto a chiunque voglia collaborare: info@biellaclub.it
sezione cultura