ASSASSINA

ora, l’assassina perdona
la vittima. Vive questo
valore la nuova morale
cristiana italiana.

IO,
io non perdono uno stato,
imbelle incapace, inetto
nel corrotto terzo potere
su verità e giustizia.

Al palo i giudici
al palo legali
al palo lo scheletro
della violenza negata,
al palo perenne
Caina,
la vecchia cagna
e le larve umane
di miserabili soci.

Affondi l’assassina
nel giusto girone
tra i suoi pari.

NINO NEMO
da “Estasi e nemesi”, 1995