Biellaclub

I fiori spontanei del biellese

Fiori di vallate e montagne

www.biellaclub.it

Abbiamo cercato di evitare i fiori coltivati e di dare delle minime informazioni sul nome del fiore e su dove e quando è stata scattata l'immagine. Abbiamo inserito fiori che crescono almeno fino ad un'altezza minima di 1200 m slm. Non sono i fiori più rari o più belli, ma solo una panoramica di quello che vediamo nelle vallate alpine biellesi. Alcuni fiori sono così comuni che li troviamo ovunque, quasi sempre sono fiori presenti in vaste zone d'Italia, ma il prestare loro attenzione, cercarli, conoscerli e fotografarli, aiuta ad apprezzarli maggiormente.
Segnalateci eventuali errori: biellaclub@gmail.com

In un sito di botanica ci sarebbero commenti poco positivi sulla documentazione qui presentata. Chi guarda e fotografa un fiore si concentra sulla corolla, che è certamente la parte più bella (di solito) ma quando arriva a casa e vuole sapere come si chiama si accorge subito che i libri parlano di foglie, di semi, di radici, tipo di peli, sovente non riportano neanche il colore dei petali tanto quello non è significativo...
Ma questo non è un sito di botanica. Questa è una pagina che vuole solo mostrare la bellezza dei fiori spontanei, augurandovi che le vostre passeggiate in montagna si arricchiscano del piacere dell'osservare i fiori.


fiori a petali di colore prevalentemente rosso e rosa

Giglio martagone

Valle Elvo, sentiero rifugio Coda, luglio 2013
Valle Elvo, sentiero rifugio Coda, luglio 2013
wikipedia    actaplantarum
Crescita spontanea in Europa, Asia e Nord America. E' una specie protetta: ne è vietata la raccolta. Era pianta sacra al dio della guerra Marte e accompagnava i soldati sul campo di battaglia era considerata come un valido amuleto.

Rododendro, Rosa delle alpi

Oropa Tracciolino, giugno 2014
Oropa Tracciolino, giugno 2014
wikipedia    actaplantarum
Rhododendron ferrugineum - Esite una produzione esclusiva dell'arco alpino di miele di puro Rododendro. Nel passato i rametti secchi del Rododendro venivano utilizzati come scope e filtri per il latte.

Dafne

Alpe di Noveis, Valsessera - giugno 2013
Alpe di Noveis, Valsessera - giugno 2013
wikipedia    actaplantarum
Il nome Daphne deriva dal greco = alloro. Le foglie in piccolo e le bacche assomigliano al lauro. E' fortemente tossica, tutte le piante del genere Daphne sono velenose ad elevata tossicità. In Italia è presente in tutte le regioni settentrionali e in Toscana; è una specie rara, anche se localmente può risultare frequente.

Orchidea Dactylorhiza

Lago del Mucrone (Valle Oropa) - luglio 2013
Lago del Mucrone (Valle Oropa) - luglio 2013
wikipedia    actaplantarum
Potetta a livello internazionale. Le Orchidaceae comprendono 788 generi e più di 18500 specie. Il genere Dactylorhiza comprende un centinaio di specie diffuse, una dozzina delle quali sono spontanee del territorio italiano.

Garofano di Seguier

Santuario di Graglia - agosto 2014
Santuario di Graglia - agosto 2014
A.m.i.n.t.    actaplantarum
Dianthus seguieri - Il nome del genere deriva dal greco “diòs”, di Zeus e “ànthos”, fiore, cioè 'fiore di Zeus'. Nell'arte medioevale i garofani indicavano i fidanzamenti. Il garofano rappresentò per lungo tempo il fiore della nobiltà; fu scelto da Napoleone per decorare i nastrini della Legion d'Onore e divenne quindi simbolo dei bonapartisti.

Cardo palustre

Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
???
wikipedia    actaplantarum
Cirsium palustre - Il nome del genere (cardo=cirsium) deriva dalla parola greca kirsos = varice; da questa radice deriva poi la denominazione Kirsion, un vocabolo che sembra servisse ad identificare una pianta usata per curare questo tipo di malattia.

Poligala

Valle Elvo (alpe Nicoletto) zona Bossola - maggio 2014
Valsessera - giugno 2013
wikipedia    actaplantarum
Polygala chamaebuxus - Il nome del genere significa “molto latte”, indica le presunte proprietà di queste piante. Il nome specifico dal latino“buxutus” = bosso e dal greco “chamai” = terra, quindi bosso che sta vicino alla terra, in riferimento al portamento strisciante della pianta.

Linaiola alpina

Valle d'Aosta
Valle d'Aosta
wikipedia    actaplantarum
La linaiola (o Linaria) è una classica colonizzatrice dei ghiaioni mobili sui quali riesce ad insediarsi grazie ad uno sviluppato apparato radicale. Fiorisce tra 1500 e 3000 metri di quota. E' protetta a livello regionale.

Eufrasia delle Alpi

Valsessera - settembre 2010
Valsessera - settembre 2010
wikipedia    actaplantarum
Euphrasia alpina - Appartiene alla famiglia delle Orobanchaceae la quale conta circa 90 generi e oltre 2000 specie; il genere Euphrasia comprende circa 500 specie, di cui almeno 18 sono presenti nella flora spontanea italiana.

Primula piemontese

Valle Elvo (alpe Nicoletto) zona Bossola - maggio 2014
Monte Barone - aprile 2010
wikipedia    actaplantarum
Il nome del genere (che denomina l'intera famiglia), diminutivo di prímus=primo, fa chiaramente riferimento alla precocità della fioritura (aprile-luglio) che avviene in l uoghi rocciosi e ghiaiosi, rupi umide, pascoli preferibilmente su substrato calcareo. Da 600 a 2.500 m.

Epilobio

Valsessera - luglio 2014
Valsessera - luglio 2014
wikipedia    actaplantarum
Epilobium hirsutum - Il nome generico deriva dal greco epi = sopra e lobòs = lobo, col significato di sopra ai lobi, con riferimento alla posizione dei petali inseriti sopra l'ovario. Il nome della specie è riferito alla pelosità della pianta. Appariscente ed alta da 80 a 150 cm, esibisce i propri fiori rosa nei luoghi umidi e bagnati, lungo le rive dei fiumi e nei fossi.

Rosa alpina

Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
Netro - giugno 2014
wikipedia    actaplantarum
Fiorisce tra i 600 e 2400 m s.l.m., tra giugno e luglio. La famiglia delle Rosacee (Rosaceae) è una delle famiglie più importanti del mondo vegetale dal punto di vista dell'uomo. Ne fanno parte oltre 2000 specie di cui la "rosa", il notissimo rampicante dai fiori vistosi che dà nome alla famiglia.

Vedovina

Valle Cervo, salendo al Colle della Vecchia - luglio 2013
Valsessera - giugno 2013
wikipedia    actaplantarum
Scabiosa - Il genere deriva il suo nome dal latino “scabies”, scabbia, perché alcune specie del genere venivano usate per curare la malattia. Il botanico Adriano Fiori (1865-1950) la descrive in una trentina di diverse forme pur restando nell’ambito della nostra penisola.

Ambretta - Knautia

Sostegno - maggio 2014
Santuario di Graglia - agosto 2014
A.m.i.n.t.    actaplantarum
Le foglie sono il cibo preferito dai bruchi di diverse farfalle (es. Colias crocea) e visitata anche dalle api; anche pecore e capre brucano questa pianta.

Spirea

Santuario di Graglia - agosto 2014
Santuario di Graglia - agosto 2014
wikipedia    actaplantarum
Spiraea japonica - Appartiene alla famiglia delle Rosaceae, pianta ornamentale coltivata che abbiamo ritrovato numerosissima in crescita spontanea nei boschi intorno al Santuario di Graglia.

Centaurea minore

Valsessera - luglio 2014
Valsessera - luglio 2014
wikipedia    actaplantarum
Centaurium erythraea - I fiori di Centaurium si aprono di mattina se c'è bel tempo e si richiudono a mezzogiorno. Anche una piccola nuvola passeggera è in grado di farli chiudere. Durante il Medioevo fu largamente coltivato, per le sue virtù terapeutiche, specialmente dai popoli Galli. Oggi si usa anche per la preparazione del liquore chiamato "vermuth".

Saponaria

Sostegno - maggio 2014
Valsessera - aprile 2009
A.m.i.n.t.    actaplantarum
Saponaria ocymoides - Saponaria dal latino sapo=sapone per le saponine contenute nelle radici delle piante di questo genere; il nome specifico vorrebbe alludere alla sua somiglianza col basilico.

Silene

Sostegno - maggio 2014
Valsessera - aprile 2010
wikipedia    actaplantarum
Cresce tra i 300 ed i 2300 m. Nella credenza popolare queste piante anticamente erano usate per curare i morsi di serpente (si trituravano i semi). In certi posti la pianta viene usata nella preparazione del ripieno per un piatto tipico: "Tortei di voreles di lieur e scuete", ravioli di "orecchie di lepre"(Silene dioica) con ricotta. Facendo bollire la radice è possibile ottenere un sostituto del sapone.

Lupino

Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
Mazzuchetti (San Paolo Cervo) - giugno 2013
wikipedia    A.m.i.n.t.
La pianta è originaria dell'America del Nord, principalmente coltivata ad uso ornamentale o per uso foraggiero. Fiorisce da aprile a luglio, da 400 a 2200 m s.l.m., in prati montani, rive dei ruscelli e pascoli estensivi, la sua presenza è ormai naturalizzata in diverse regioni del nord Italia.

Malva

Valsessera, Pray - maggio 2009
Valsessera, Pray - maggio 2009
wikipedia    actaplantarum
Malva sylvestris - Nei secoli la malva ha avuto estimatori illustri: Marziale la usava per dissipare i fumi dei bagordi, Cicerone e Catone la usavano a tavola in grande quantità, Orazio si ritemprava con malva, cicoria e olive, Plinio la considerava una panacea, con azione anche afrodisiaca; nel Medioevo e durante il Rinascimento invece si riteneva favorisse una condotta morigerata e divenne il rimedio per tutti i mali e veniva definita "omnimorbia"

Geranio di S.Roberto

Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
Netro - maggio 2014
wikipedia    actaplantarum
Geranium robertianum - La famiglia di appartenenza (Geraniaceae) conta circa 700 specie. I Geranium hanno elaborato una speciale tecnica per la disseminazione: il frutto maturo restav appeso ad una codetta che avvolgendosi per igroscopia, riesce a lanciare i semi lontano dalla pianta, favorendo in tal modo la colonizzazione del territorio.

Brunella

Panoramica Zegna, agosto 2014
Panoramica Zegna, agosto 2014
wikipedia    actaplantarum
Prunella vulgaris - L’etimologia del nome del genere (Prunella) è incerta. Alcuni la fanno derivare da una antica voce tedesca “Breune” oppure “Braune” che significa “angina” o “tonsillite”, patologie curate anticamente da questa pianta. Ma alcuni filologi la fanno derivare dal vocabolo “pruno” (o da “brunella”) per il colore bruniccio che i suoi fiori assumono quando l’infiorescenza appassisce.

Pervinca minore

Valsessera - marzo 2014
Valsessera - marzo 2014
wikipedia    actaplantarum
Vinca minor - Ai fiori della Pervinca e alle sue foglie sempreverdi è associato il concetto di fedeltà in amicizia e di tenacia del dolce ricordo. I fiori compaiono tra marzo e maggio, con una possibile seconda fioritura in autunno e sono spesso caratterizzati da un colore azzurro-violetto, denominato appunto blu-pervinca, ma a volte prendono colorazioni tendenti al rosa o al bianco.

Trifoglio

Netro - maggio 2014
Netro - maggio 2014
wikipedia    actaplantarum
Consumato come foraggio verde, raramente come fieno, è talmente apprezzato dal bestiame, da essersi meritato il nome di "pane del latte". Trifolium pratense (detto comunemente Trifoglio dei prati) è una pianta erbacea geograficamente diffusissima, dalle Americhe, all'Europa, alla Russia. Nei prato-pascoli di alta quota è presente la sottospecie Nivale.

Antennaria

Valsessera - giugno 2010
Valsessera - giugno 2010
wikipedia    actaplantarum
Antennaria dioica - Chiamato anche "Sempiterno di montagna". Il nome del genere deriva da "antenna"; l'epiteto specifico dal greco "dis"= due volte e "oikía "= abitazione, con il significato di 2 case perchè fiori maschili e femminili sono portati da piante diverse. Il nome comune di "Zampa di gatto", deriva dai capolini che si presentano morbidi e riuniti in gruppetti come le dita dei gatti.

Menta d’acqua

Valsessera - settembre 2008
Valsessera - settembre 2008
wikipedia    actaplantarum
Mentha aquatica - La menta è ancora da molti ritenuta un potente rimedio atto a combattere gli spiriti maligni ed ancora oggi, moderni "maghi", la bruciano per consacrate talismani destinati a proteggere da innumerevoli malattie e ad allontanare influenze negative. Come suggerisce il nome, cresce lungo torrenti, fiumi, piscine, dighe, fossi, canali, prati umidi, paludi e acquitrini fino ai 1200 m.

Pigamo colombino

Valsessera, Serravalle - giugno 2013
Valsessera, Serravalle - giugno 2013
wikipedia    actaplantarum
Thalictrum aquilegiifolium - Anticamente, secondo la medicina popolare, a queste piante venivano attribuite diverse proprietà medicamentose. Ora non più in quanto sono considerate tossiche e nocive alla salute umana. Infatti queste piante (nelle radici) contengono un colorante giallo tossico, una volta usato per colorare la lana, la ”macrocarpina”. Anche il bestiame al pascolo evita di mangiare le foglie di questa pianta.

Bistorta

Oropa Tracciolino - giugno 2014
Oropa Tracciolino - giugno 2014
wikipedia    actaplantarum
Comune sulle Alpi e Appennini a quote dai 900 ai 2200 m s.l.m.. Le foglie primaticce se tenere possono essere mangiate in salata oppure cotte come spinaci. Si può usare anche la radice che è ricca di amido (anticamente era usata per fare il pane).

Aquilegia

Valsessera, Guardabosone - maggio 2009
Valsessera, Guardabosone - maggio 2009
wikipedia    actaplantarum
Aquilegia - Il nome del genere Aquilegia deriva forse dal latino "aquilegium" che significa recipiente d'acqua per la presenza dei cinque speroni cavi nel fiore. Credenze popolari, invece lo fanno derivare da "aquila" poiché la sua estremità è ricurva come il becco e gli artigli del rapace.



fiori a petali di colore prevalentemente blu e viola

Centaurea (fiordaliso alpino)

Mazzuchetti (San Paolo Cervo) - giugno 2013
Mazzuchetti (San Paolo Cervo) - giugno 2013
wikipedia    actaplantarum
Centaurea è un genere di piante appartenenti alla famiglia delle Compositae o Asteraceae. Del genere Centaurea si conoscono circa 500 specie di annuali, biennali, perenni e suffrutici, spontanee; è un gruppo di piante polimorfe, di difficile determinazione. Alcune specie sono coltivate come ornamentali, altre come officinali.

Genziana di Koch

Valle Elvo (alpe Nicoletto) - maggio 2014
Valsessera (Moncerchio) - giugno 2013
wikipedia    actaplantarum
In prevalenza cresce tra i 1600 e i 2400 m. Il nome del genere deriva da Genthios, l'ultimo re degli Illiri (II sec. a. C.), che secondo Plinio per primo scoprì le proprietà medicinali delle genziane, al suo gruppo si possono riferire parecchie specie che si distinguono per caratteri poco evidenti, ma sono ben segregate in aree geografiche autonome.

Genziana di Esculapio

Bocchetta di Stavello, agosto 2014
Bocchetta di Stavello, agosto 2014
wikipedia    actaplantarum
Gentiana asclepiadea - Il nome generico deriva da Gentius, l'ultimo re degli Illiri, che secondo Plinio pare avesse scoperto gli usi medicinali della Gentiana lutea. Il nome specifico deriva dal greco col significato di mitigatore, benigno, ovvero dal latino "Asclepius" Esculapio, dio greco della medicina.

Fiordaliso

Mazzuchetti (San Paolo Cervo) - giugno 2013
Mazzuchetti (San Paolo Cervo) - giugno 2013
wikipedia    actaplantarum
Nome botanico: Cyanus segetum, chiamato anche Garofano di campo, Occhi di cielo, Battisuocera... Il nome del genere deriva dal latino "cyănus" = che a sua volta è stato mutuato dal greco "κύανος" =" azzurro" riferito al colore della corolla.

Borragine

Bariola (San Paolo Cervo) - giugno 2013
Valsessera - maggio 2008
wikipedia    actaplantarum
Borago officinalis - L'etimologia del nome generico è controversa: forse deriva dall'arabo “abou rach”= padre del sudore, con riferimento alle proprietà sudorifere della pianta; forse avrebbe origine dal latino “burra” = stoffa grossolana, con riferimento ai peli del fusto e delle foglie; altri ritengono che “ borago” derivi dalla corruzione di corago da “cor”= cuore e “ago” = agisco, per i suoi effetti stimolanti.

Vedovella annuale

Valsessera - giugno 2014
Valsessera - luglio 2014
wikipedia    actaplantarum
Jasione montana - E' uno dei componenti di un buon fieno, gradita a tutti i ruminanti. Le foglie, se stropicciate, emanano un odore sgradevole. Distribuzione altitudinale: sui rilievi queste piante si possono trovare fino a 1200 m. La famiglia di appartenenza (Campanulaceae) conta sul territorio italiano una dozzina di generi per un totale di circa 100 specie.

Raponzolo rupestre

Valsessera - giugno 2014
Valsessera - luglio 2014
wikipedia    actaplantarum
Phyteuma hedraianthifolium - Cresce su rupi granitiche e soleggiate da 1800 a 3100 m slm. Il binomio attuale della pianta è stato creato nel 1904 dal botanico tedesco Roman Schulz (1873-1926), che ha staccato la pianta dal precedente nome linneano di Phyteuma hemisphaericum, di cui era considerato una sottospecie.

Raponzolo

Valle Cervo sentiero per il Colle della Vecchia - luglio 2013
Valle Cervo, vallone della Mologna - luglio 2013
A.m.i.n.t.    actaplantarum
Phyteuma scheuchzeri - Il nome era usato dai Greci per una pianta afrodisiaca. Successivamente fu applicato ad un genere le cui radici avevano proprietà energetiche. Fiorisce da giugno ad agosto, da 100 a 2200 m s.l.m..

Raponzolo scorzonera

Oropa Tracciolino - maggio 2014
Oropa Tracciolino - maggio 2014
A.m.i.n.t.    actaplantarum
Pianta erbacea alta da 70 a 90 cm interamente glabra con fusto ascendente. Le foglie glabre sono tutte strette ed allungate, le basali che scompaiono al momento della fioritura, che normalmente avviene tra luglio ed agosto, ma quì è fotografato a maggio.

Scilla bifolia

Valle Elvo (alpe Nicoletto) zona Bossola - maggio 2014
Valsesia - giugno 2009
wikipedia    actaplantarum
Detta anche: Scilla silvestre, Scilla a due foglie, Giacinto turchino. Distribuzione: tutta Italia, Europa centro-meridionale e Asia occidentale, altitudine dai 100 ai 2000 m. Il suo nome ricorda Scilla, il mostro marino della mitologia greca con corpo di donna, coda di pesce e 6 teste di cane.

Soldanella alpina

Oropa - maggio 2013
Oropa - maggio 2013
A.m.i.n.t.    actaplantarum
Il nome generico proviene dalla tradizione popolare italiana e richiama la forma della foglia, rotonda come una moneta (soldo); l'attributo specifico fa ovvio riferimento all'habitat della pianta, che si trova prevalentemente in zone di alpeggio.

Erba trinità

Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
Val d'Ayas - aprile 2014
wikipedia    actaplantarum
Hepatica nobilis - Fiorisce da febbraio a maggio fino ai 2000 m. Il genere Hepatica è un piccolo gruppo di piante comprendente circa una decina di specie, una sola delle quali appartenente alla flora spontanea italiana.

Lino alpino

Valsessera, Monte Barone - giugno 2010
Valsessera, Monte Barone - maggio 2009
A.m.i.n.t.    actaplantarum
Linum alpinum - Il genere prende il nome dal termine greco linon che designava la fibra, mentre il nome della specie allude al suo habitat. Fiorisce su prati aridi montani, pascoli sassosi, ghiaioni e rupi calcaree da 1000 a 2000 m.

Campanula rapunculus (Raperonzolo)

Valsessera - maggio 2014
Valsessera - maggio 2014
wikipedia    actaplantarum
Il nome generico descrive la forma del fiore, mentre quello specifico la forma della radice fittonante simile a una rapa, dal latino rapunculus = piccola rapa." L'aspetto esteriore è identico alla Campanula patula.

Campanula barbata e C. trachelium

Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
Santuario di Graglia - agosto 2014
wikipedia     wikipedia (C. trachelium)   
Il nome del genere (“campanula”) deriva dalla forma a campana del fiore; in particolare il vocabolo deriva dal latino e significa: piccola campana. Delle circa 250 specie spontanee della flora italiana buona parte vivono sull'arco alpino.

Salvia dei prati

Sostegno - maggio 2014
Valsessera - aprile 2009
wikipedia    actaplantarum
Salvia pratensis - Salvia comune, Erba lupo... Il nome del genere deriva dal latino “sàlvus” = salvo, con riferimento alle proprietà medicinali di queste piante; oppure sempre dal latino “salvere” = star bene, con la medesima radice il nome tedesco “salbe”,= unguento medicamentoso.

Poligala

Oropa Tracciolino - giugno 2014
Oropa Tracciolino - giugno 2014
wikipedia    actaplantarum
Polygala - Le specie del genere Polygala vengono di regola impollinate per entomogamia (per mezzo delle formiche), raramente per autogamia. Anche la disseminazione è operata delle formiche, attratte dagli umori zuccherini dello strofiolo.

Albero delle farfalle

Piedicavallo - agosto 2013
Coggiola - luglio 2008
wikipedia    actaplantarum
Buddleja davidii - Pianta da giardinaggio di origine cinese, importata in Europa verso il 1895 a scopo ornamentale ma ben presto si dimostrò infestante in quanto si adatta facilmente a qualunque tipo di terreno e resiste bene al freddo. In Italia è comune soprattutto al Nord dove è naturalizzata.

Veronica

Santuario di Graglia - maggio 2014
Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
wikipedia    actaplantarum
La "Veronica" annovera circa 500 specie, il nome deriva dalle due parole "vera" e "unica", perchè nell'antichità si riteneva che nessun altra pianta potesse possedere tante virtù, considerate uniche. Altre fonti riportano che è dedicato a S. Veronica.

Non ti scordar di mè

Oropa - maggio 2014
Oropa - maggio 2014
wikipedia    actaplantarum
Myosotis - Tra le tante leggende che cercano di spiegare l'origine del nome volgare della piantina dai piccoli graziosi fiori, ne spicca una, la quale racconta che quando il buon Dio ebbe terminato, dopo molta fatica, di attribuire i nomi alle pietre, animali e fiori creati, si levò una vocina: "Non ti scordar di me, o Signore!". "Nontiscordardimé sarà dunque il tuo nome", rispose il Padreterno.

Viola

Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
wikipedia    actaplantarum
Comprende circa 400 specie erbacee annuali o perenni, alte da 10 a 20 cm, con fioriture primaverili, in svariati colori e corolle dalla forma caratteristica. Tra le specie più note, coltivate come annuali, la Viola tricolor, pianta spontanea in Europa, nota col nome comune di Viola del pensiero.



fiori a petali di colore prevalentemente giallo e arancione

Giglio di San Giovanni

Valle Cervo, colle della Vecchia - luglio 2013
Valle Cervo, colle della Vecchia - luglio 2013
wikipedia    actaplantarum
Detto anche Giglio rosso. Cresce spontaneo sui pendii erbosi ed assolati dei monti italiani; da 500 a 1800 m. Specie di notevole bellezza che, per il suo colore e la sua grande visibilità è oggetto di raccolte indiscriminate, tanto che è stata opportunamente inserita tra le specie protette.

Iperico perforato

Santuario di Graglia - agosto 2014
Santuario di Graglia - agosto 2014
wikipedia    actaplantarum
Hypericum perforatum - Chiamata anche Erba di San Giovanni, è una delle piante officinali più famose, in uso da oltre 2000 anni. Trova impiego nella preparazione di liquori, per le proprietà aromatiche e digestive. Il fusto seccato può sostituire il tè.

Iperico montano

Valsessera - luglio 2014
Valsessera - luglio 2014
wikipedia    actaplantarum
Hypericum montanum - Chiamato anche Erba di San Giovanni montana, il termine generico nasce forse dal greco ”yper”=sopra ed “eikon”=immagine a significare “io scaccio le immagini, le ombre , allontano gli spiriti". Il termine specifico è dovuto a quello che si credeva il suo ambiente di crescita.

Calta palustre

Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
Valsessera - aprile 2009
wikipedia    actaplantarum
La Caltha palustris viene considerata una pianta molto antica, ha una struttura primitiva caratterizzata da numerosi stami in disposizione spiralata per favorire al massimo la fecondazione e quindi la propagazione della specie. È sopravvissuta alle varie glaciazioni fiorendo nell'Europa del Nord dopo l'ultima ritirata del ghiaccio.

Ranuncolo

Graglia Santuario - maggio 2014
Oropa Tracciolino - giugno 2014
wikipedia    actaplantarum
I “Ranuncoli” sono dei piccoli fiori semplici ma eleganti provenienti dall’Asia.Il genere Ranunculus è un gruppo molto numeroso di piante comprendente oltre 400-600 specie originarie delle zone temperate e fredde del globo, delle quali quasi un centinaio appartengono alla flora spontanea italiana.

Cinquefoglie tormentilla

Oropa Tracciolino - giugno 2014
Oropa Tracciolino - giugno 2014
wikipedia    actaplantarum
Potentilla erecta - Il genere (Potentilla) conta più di 200 specie delle quali oltre una cinquantina sono spontanee. Il nome è dovuto alle grandi virtù medicinali che le si attribuivano anticamente. Deriva dal latino potens o portentum.

Doronico medicinale

Valsessera, Sostegno, maggio 2013
Valsessera, Sostegno, maggio 2013
wikipedia    actaplantarum
Doronicum pardalianches - Per lungo tempo fu ritenuta specie velenosa. Cortusi, direttore dell'Orto Botanico di Padova nella prima metà del 1600 assicurava di avere visto morire un cane per aver ingerito la pianta. Molti altri botanici dubitavano della sua potenzialità venefica, che è stata in seguito del tutto smentita.

Senecione di Fuchs

Bocchetta di Stavello, agosto 2014
Bocchetta di Stavello, agosto 2014
wikipedia    actaplantarum
Senecio ovatus - Il nome generico deriva da un vocabolo latino (senex) che significa “vecchio uomo” in riferimento al caratteristico pappo formato da esili e sottili peli biancastri tutti della stessa lunghezza. Sui rilievi queste piante si possono trovare da 300 fino a 2000 m s.l.m..

Ginestra dei carbonai

Netro, Bossola - maggio 2014
Netro, Bossola - maggio 2014
wikipedia    actaplantarum
Cytisus scoparius - Anticamente usata come scopa adatta alla pulizia dei forni da pane, per i suoi rami difficilmente infiammabili. Il nome volgare "ginestra dei carbonai" proviene dall’uso dei rami che grazie alla loro scarsa infiammabilità, posti sulla cima delle cataste di legna circondate dalla terra, che formavano le carbonaie, consentivano di bruciare lentamente per una miglior qualità del carbone prodotto.

Tossilaggine comune

Alpi Biellesi, aprile 2010
Alpi Biellesi, aprile 2010
wikipedia    actaplantarum
Tussilago farfara - Il nome generico ha origine dal latino tussis ed agere = far tossire, per le proprietà espettoranti attribuite alla pianta. Con le foglie disseccate e mescolate al tabacco, venivano preparate durante l’ultima guerra delle sigarette antiasmatiche, consumate in mancanza di prodotti migliori, da molti incalliti fumatori.

Dente di leone, Tarassaco

Coggiola
Netro - maggio 2014
wikipedia    wikipedia piemontèisa
Il taràssaco comune (Taraxacum officinale) è una pianta a fiore (angiosperma) appartenente alla famiglia delle Asteracee. L'epiteto specifico ne indica le virtù medicamentose, note fin dall'antichità e sfruttate con l'utilizzo delle sue radici e foglie. È comunemente conosciuto come dente di leone, soffione, cicoria selvatica.

Sparviere, Hieracium

Netro - maggio 2014
Santuario di Graglia - agosto 2014
wikipedia    actaplantarum
Il nome del genere Hieracium deriva dal greco jerax = sparviere, poichè gli antichi greci credevano che questi rapaci si cibassero dei frutti di queste piante per aguzzare la loro vista. Mentre il nome specifico villosum dal latino villosus, con riferimento all'aspetto della pianta coperta di peli morbidi.

Cardo zampa d'orso

Sostegno - maggio 2014
Valsesia - maggio 2009
wikipedia    actaplantarum
Cirsium erisithales - Gli individui di questa specie si distinguono bene nel loro ambiente in quanto sono molto alti (da 50 a 180 cm e oltre) e quindi dominano le altre forme arboree..

Digitale

Valsessera - giugno 2010
Valsessera - giugno 2010
wikipedia    actaplantarum
Digitalis lutea - Digitalis dal latino digitilus = piccolo dito e lutea = gialla per la forma ed il colore dei fiori. Fa parte delle specie botaniche del Piemonte a protezione assoluta.

Primula

Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
wikipedia    actaplantarum
La primula è uno dei primi fiori che sboccia, anche nei paesi più freddi, proprio per questo motivo è da sempre considerata il simbolo della primavera, emblema di giovinezza e di precocità, è nella tradizione popolare di molti popoli, pianta augurale. A questo proposito la Regina Vittoria, quando il ministro Disdraeli le consegnò solennemente la corona delle Indie, lo ricambiò con un mazzolino di primule in segno di buona fortuna.



fiori a petali di colore prevalentemente bianco

Citiso di Zumaglini

Alpi Biellesi, maggio 2009
Alpi Biellesi, giugno 2010
actaplantarum    libro
Cytisus proteus Zumaglini - Ecco un fiore sicuramente biellese (solamente biellese) ci hanno scritto addirittura un libro sulla sua particolarità. E' una sottospecie di cytisus hirsutus, nel biellese c'è una varietà endemica con fiori bianchi screziati di porpora.

Narciso

Valle Elvo (alpe Nicoletto, Bossola)- maggio 2014
Santuario d'Oropa, Tracciolino - giugno 2014
wikipedia    A.m.i.n.t.
Narcissus poeticus - Il genere comprende molte specie bulbose divise in varie sezioni, con alcune specie spontanee in Italia come il Narcissus poēticus - noto col nome di Narciso selvatico o Fior di maggio - diffuso nei pascoli montani - Contiene un alcaloide velenoso che provoca disturbi negli animali al pascolo, nell'uomo può provocare la morte.

Giglio di monte, Paradisia

Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
wikipedia    actaplantarum.
Paradisea liliastrum - Sembra un giglio ma non lo è; si sviluppa ai margini dei boschi, nei versanti soleggiati. In Valle d'Aosta, il Giardino Botanico Alpino Paradisia, all'interno del Parco Nazionale del Gran Paradiso, prende il nome da questo fiore.

Crocus

Valle Elvo (alpe Nicoletto, Bossola) - maggio 2014
Valle Elvo (alpe Nicoletto, Bossola) - maggio 2014
wikipedia    actaplantarum.
Il genere Crocus comprende circa 80 specie di cui una trentina sono coltivate e 15 sono presenti nella flora spontanea italiana. La conoscenza di questi fiori è storica: nel Libro dei Cantici vengono citati come piante aromatiche e odorose. Nell'antica Grecia si usavano per farne corone. Nell'antica Roma si usava per ornare le tombe come auspicio per una vita ultraterrena.

Margherita

Graglia Santuario - maggio 2014
Netro - maggio 2014
wikipedia    actaplantarum
Leucanthemum - Il nome del genere Leucanthemum deriva dal greco leukós= bianco e ánthos= fiore. Il genere è composto da 40-50 specie, una decina delle quali fanno parte della flora spontanea italiana. E' molto simile al genere Bellis. Si distinguono comunque per l'assenza di foglie cauline e l'involucro formato da una/due serie di squame.

Pratolina

Santuario di Graglia - agosto 2014
Santuario di Graglia - agosto 2014
wikipedia    actaplantarum
Bellis - Il nome del genere deriva dal latino "béllus" = bello, ad indicare una pianta graziosa; il nome specifico "perennis" attraverso gli anni" indica la longevità, ma potrebbe indicare, come mi suggerisce un amico, anche il protrarsi dell'antesi praticamente per tutto l'anno; mentre il nome inglese, "daisy" parrebbe derivare dalla contrazione del nome anglosassone "days eye", = occhio del giorno, per la peculiarità del suo riaprirsi al sorgere del sole.

Centocchio

Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
Valsessera - maggio 2010
wikipedia    actaplantarum
Stellaria - Il nome del genere deriva dal lat. 'stella': per i fiori che in piena antesi sembrano stelle.

Giglio di San Bernardo

Sostegno - maggio 2014
Valsessera - giugno 2010
A.m.i.n.t.    actaplantarum
Anthericum liliago - Fiorisce tra maggio e giugno, tra i 300 ed i 1800 m. Il suo nome scientifico è Anthericum liliago ed è conosciuto anche come Liliagine. La famiglia prende il nome dal genere Lilium che comprende bellissimi gigli.

Achillea

Santuario di Graglia - agosto 2014
Santuario di Graglia - agosto 2014
wikipedia    actaplantarum
Achillea millefolium - Il nome del genere fu adottato da Linneo riprendendo un vecchio termine greco-romano che alludeva a una pianta usata da Achille, che secondo la tradizione, la usò per guarire le ferite dei suoi compagni.

Androsace

Valsessera, Postua - maggio 2011
Valsessera, Postua - maggio 2011
wikipedia    actaplantarum
Androsace vandelli - Androsace è un genere di piante della famiglia delle Primulaceae che comprende una quarantina di specie. Habitat naturale: Morene, luoghi rocciosi, rupi silicee anche verticali o a strapiombo da 1500 a 3500 metri di quota. In Italia è pianta rara.

Stella Alpina

Valle Cervo - agosto 2009
Valle di Cogne (AO) - agosto 2014
wikipedia    actaplantarum
Leontopodium alpinum - Anche chiamata “Edelweiss”. Secondo la leggenda, una volta era una fanciulla, bella ma difficile, per cui alla sua morte, ancora zitella, venne trasformata in una “Stella alpina” fra le nevi, le rocce e i ghiacciai ed altri posti di difficile accesso. Soltanto un ardimentoso e puro d'animo potrà cogliere questo fiore. “Edelweiss” significa appunto “nobile, bianco e puro”.

Cinquefoglie

Valsesia - maggio 2011
Valsesia - giugno 2010
wikipedia    actaplantarum
Potentilla - Appartenente alla famiglia delle Rosaceae. Il nome deriva dal latino formato da potens-entis = potente, che ha potere, e da illa- illae suffisso diminutivo, che allude alle potenti presunte proprietà toniche ed astringenti che erano attribuite ad alcune specie di questo genere.

Rovo comune

Sostegno - maggio 2014
Valli biellesi - giugno 2009
wikipedia    piante-e-arbusti.it
Rubus fruticosus - Il rovo è un arbusto del sottobosco .Molto invasivo, predilige esposizioni ombreggiate. Alcune varietà vengono coltivate per il frutto (more)

Acetosella dei boschi

Valsesserra - aprile 2009
Valsesserra - aprile 2010
wikipedia    actaplantarum
Oxalis acetosella - Chiamata anche Pane degli angeli, Pancuculo, Trifoglio acetoso.in Inghilterra viene chiamata popolarmente anche “ bella addormentata” per giustificare il suo particolare comportamento durante le ore più calde delle giornata o quando piove, infatti le sue foglioline ed infiorescenze si appressano a richiudersi. Per la sua delicata bellezza ed per il suo elegante portamento, viene associata all'amore materno.

Valeriana

Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
Valsessera, Monte Barone - maggio 2009
wikipedia    actaplantarum
Il nome deriva dal latino “valere” = star bene. Nel XIII secolo, per liberare dai topi Hamelin, un villaggio tedesco, gli anziani assoldarono un suonatore itinerante di flauto. Nella versione moderna di questa storia, i poteri del pifferaio risiedono nella musica, ma l'antico folclore tedesco attribuiva al pifferaio l'uso della radice Valeriana per ipnotizzare topi e bambini.

Aglio orsino

Valsessera - maggio 2010
Valsessera - maggio 2010
wikipedia    actaplantarum
Allium ursinum - Il nome del genere allium sembra di origine celtica “all” che significa caldo, bruciante, acre, com'è infatti il sapore dell'aglio. Il nome specifico ursinum = degli orsi, forse in riferimento agli ambienti boschivi su cui preferibilmente cresce

Erba lucciola

Sostegno - maggio 2014
Sostegno - maggio 2014
wikipedia    actaplantarum
Luzula nivea - Erba lucciola è l'antico nome italiano delle specie del genere Luzula, così detta da L. Anguillara che ne spiega l'etimologia col fatto che i suoi capolini pelosi bagnati dalle gocciole di rugiada risplendono come lucciole; un tempo si chiamava erba lucia o luccia, Altri erboristi chiamavano erba lucciola l'Ophioglossum vulgatum L., che si credeva fosse luminosa di notte.

Farfaraccio bianco

Valsessera - maggio 2014
Oropa - marzo 2011
wikipedia    actaplantarum
Petasites albus - Il nome generico deriva dal greco "petàsos" = cappello a grandi falde, undica la forma delle foglie. In Italia la sua diffusione è considerata rara.

Carlina

Oropa Tracciolino - giugno 2014
Oropa Tracciolino - giugno 2014
wikipedia    actaplantarum
Il nome sembra derivare da Carlo Magno che si illuse di usarla come medicinale durante una pestilenza dei suoi soldati nei pressi di Roma. In altri testi si fa l'ipotesi che il nome derivi dalla parola carduncolos (diminutivo di cardo = “cardina” o “piccolo cardo”) in riferimento alla somiglianza con le piante del genere “Cardo”.

Peverina

Piedicavallo - agosto 2012
Piedicavallo - agosto 2012
wikipedia    actaplantarum
Cerastium - Sia la famiglia (Caryophyllaceae) che il genere (Cerastium) sono abbastanza vasti: la prima comprende una settantina di generi, il secondo un centinaio di specie (alcune classificazioni ne elencano fino a 200 e più); di queste quasi 50 sono spontanee dell'Italia.

Vilucchio

Valle d'Aosta - giugno 2014
Valle d'Aosta - giugno 2014
wikipedia    actaplantarum
Convovolus - Il nome generico deriva dal latino “convolvere” = avvolgere, riferito ai fusti spesso volubili. Il C. arvensis è fra le piante infestanti una delle più dannnose per l'agricoltura.

Girardina

Bossola - maggio 2014
Bossola - maggio 2014
wikipedia piemontèisa     actaplantarum
Aegopodium podagraria - Fiorisce tra maggio ed agosto in luoghi incolti ombrosi, margine boschi di latifoglie, da 0 a 1800 m s.l.m. Un famoso erborista dell '800 la suggerisce come valida per l'artrosi, la sciatica e la gotta. Per l'uso esterno la Podagraria, soprattutto allo stato fresco, è stata consigliata per le punture di insetti, piccole ferite e abrasioni.

Anemone

Oropa - marzo 2011
Valsessera - aprile 2009
wikipedia    A.m.i.n.t.
Anemone - Il nome del genere, attribuito da Teofrasto, significa fiore del vento per le fragili corolle variamente colorate. Narra una leggenda che Anemone fosse una ninfa della corte di Flora. Un giorno Zeffiro e Borea s'innamorarono di lei, ma Flora indispettita decise di punirla tramutandola in fiore. La condanna peggiore fu che era destinato a schiudersi precocemente così che all'arrivo del venticello primaverile Zefiro il fiore fosse già avvizzito.

Astranzia

Alpi Biellesi, luogo e data non meglio definiti
Monte Barone - luglio 2008
wikipedia    actaplantarum
Astrantia major - Un tempo veniva considerata pianta medicinale, ora non più, ha comunque proprietà diuretiche e purganti. Coltivata, sia per la bellezza dei fiori e perchè decisamente rustica: può sopportare temperature molto rigide. Fiorisce da maggio a settembre.

Veronica a foglie di Serpillo

Valsessera - maggio 2014
Valsessera - maggio 2014
wikipedia    actaplantarum
Veronica serpyllifolia - Cresce in luoghi freschi e umidi, lungo i corsi d'acqua, prati, sentieri, fino a 2.400 m s.l.m. Nel territorio italiano sono presenti 2 subspecie, la Veronica serphyllifolia subsp. humifusa che cresce a quote montane e la Veronica serphyllifolia subsp. serphyllifolia che cresce a quote collinari.



alberi

Maggionciondolo

Oropa Tracciolino - giugno 2014
Oropa Tracciolino - giugno 2014
wikipedia    actaplantarum
Laburnum Alpinum - fiorisce tra maggio e luglio dai 500 ai 1800 m. Arbusto o albero fino a 6 m. Per la presenza dell'alcaloide citisina (ad azione paralizzante), presente in tutte le parti della pianta, ma particolarmente nei semi, è specie fortemente velenosa!

Sambuco

Netro - maggio 2014
Valsessera - maggio 2009
wikipedia    actaplantarum
Albero, ma più spesso arbusto, alto fino a 10 m. Resti di bacche di Sambuco, sono stati ritrovati in insediamenti del neolitico. Al sambuco si attribuivano poteri magici, contro i demoni e le streghe. In Tirolo veniva detto “farmacia degli dei” e la tradizione contadina imponeva di inchinarsi 7 volte davanti alla pianta, tante quante i doni che si ricavano da esso.

Salice

Oropa Tracciolino - giugno 2014
Oropa Tracciolino - giugno 2014
A.m.i.n.t.    actaplantarum
Salix - Il genere Salix comprende circa 300 specie di alberi, arbusti e piante perenni legnose o fruticose, generalmente a foglia caduca; le specie arboree arrivano ai 20 metri di altezza. Le specie spontanee italiane sono circa 30, molte di difficile identificazione perché si formano ibridi con caratteristiche intermedie.

Robinia pseudoacacia

Sostegno - maggio 2014
Valsessera - maggio 2013
wikipedia    actaplantarum
Pianta con portamento arboreo (alta fino a 25 metri) o arbustivo. Originaria dell'America nord orientale, dove cresce allo stato selvatico nelle foreste della Carolina e della Virginia, nel 1601 è stata importata in Europa come ornamentale, da Jean Robin, botanico, curatore dell'Orto Botanico del re di Francia.

Ippocastano

Valsessera, Brughiera - maggio 2014
Valsessera, Brughiera - maggio 2014
wikipedia    actaplantarum
Aesculus hippocastanum - Il nome del genere deriva dal lat. 'aesculus', specie di quercia con ghiande commestibili che cresce sui monti, sacra a Giove (forse Quercus robur?). L'epiteto specifico deriva dal gr. 'híppos', cavallo, e da 'kástanon', castagno: il frutto, simile alla castagna, era considerato stimolante alimento per i cavalli bolsi.





credits

Marcello Rossi: fotografie (65) e ricerche facebook website        Filippo Bozzalla: consulenza, fotografie (71) e ricerche  facebook
Roberto Moretto: realizzazione, fotografie (44) e ricerche facebook website     Deanna Gatta: fotografie (10) facebook website     Stefania Moretto: fotografie (13) facebook


30 agosto 2014
biellaclub

La realizzazione di questo archivio è aperta a tutti, contattateci per contribuire: biellaclub@gmail.com. L'obiettivo è mostrare le bellezze e le singolarità del territorio per valorizzarlo e farlo conoscere meglio. Le fotografie restano di esclusiva proprietà degli autori nessun uso è consentito senza autorizzazione.