Racconti e poesie

Racconti brevi, aforismi e poesie scritti da autori biellesi

Mansuetudine

ottobre2015

Il cavallo sa – come deve andar…
Noi no – Non sempre.
Riusciamo malamente a sfiorare
una guancia all’angelo di Rainer
o di uno dei suoi sparuti amanti
e più in là non vediamo.
Scorgiamo solo
il trasalire del compito della vita
che migra in giardini
saputi solo da qualcuno.
Etereo oppure ebbro di mancanze
è il nostro camminar perenne.
Ci è arduo il voltar pagine.
Ci è impossibile leggere parole
vergate sulle spiagge del divenire.
Intanto l’onere segaligno
dei nostri turbamenti
inclina in disastri elucubrati
e non sa macinare che la crusca
della nostra solitudine imparziale.
Siamo – Veniamo – Andiamo.
Siamo fatti a nostra insaputa.
Veniamo a partorir bisogni.
Andiamo – fortunosamente –
su misericordiosi scogli –
dove l’anima s’infrange e ricompone –
si frange e si ritrova – poi –
ad affondare nuovamente
in un gorgo di voci e canti
che in noi si schiantano solenni.
Risale quindi al sole –
in riconquistata mansuetudine.

 

Walter Tresoldi Strona, walter@consulware.it

J AGN

novembre2014

J ho vist ël mond cambié.
‘N cà dij me vecc
j dovravo ‘nco ‘l chinché
dëdnas lë specc,
p’ërdobié
l’lum a petrolio.
‘Dess aj è
ën gir da nòcc,
gran fari a lèd
d’ automòbil a gasolio.
Mi j ho ‘mparà a comuniché
vardand ben la gent ën facia,
ò scrivend con piuma e inciost,
pur fasendje quaiche macia.
‘Dess s’ëscriv da ‘n tucc ij post,
basta avej ij die svicce
e ‘n telefonin dispost.
E tegnend j orëgge dricce
‘t peu savej da tut ël mond,
neuve bo-ne,neuve grame,quai’dispet,
s’ët è bon,ma fi-na ‘ fond,
gabogné con Internet.
‘T peu parlé con tanta gent,
fin-a cola ‘n paradis,
peu ,‘t van subit da la ment,
parchè t’è mai vistje ‘l vis.
Mi, i son ho rivà fin’ chì
dòpo quai’tribulassion,
quaich maleur j l’ho patì,
pura sensa d’i gran dagn,
con fortun-a, ‘d vòte tanta
‘M resta ‘mè ‘na sensassion,
da nen ‘vei vivune otanta,
ma otscent ëd costi agn.

Otober 2014-10-07 –  Gigi Vaglio – luisdivaj@libero.it

Love difference

luglio2013

Abbiamo parlato
tutta la sera
di politica
di errori sociali
di drammi urgenti
della vita.

E mentre tu urlavi
dal profondo
dell’anima inquieta,
gonfia di amarezza
e di male
il tuo disprezzo
e il tuo diniego
la mia anima
fuggiva leggera
ai giorni dolci
alle favole belle
della vita.

Incommensurabili abissi
scavavano
a martellate
le tue parole
Solo male,
distruzione
e morte
non c’era altro
nel tuo pensiero
Fuori in cielo
fiorivano le stelle
e dolce
nell’aria azzurra
brillava quieta
la luna.

Maria Teresa Molineris

Gomma

luglio2013

Gomma

Piccola gomma
che sulla carta
sai cancellare
le parole amare;
vorrei vederti crescere
immensa divenire,
per cancellare sulla
terra,
l’orrenda parola
guerra!

Rosangela Gabella – poesiabiellese@libero.it

Nonna

luglio2013

Nonna

“Ricordi nonna, quando mi cullavi
e il mio sonno aspettavi,
con la mano mia piccina
dentro la tua, raccolta,
rapita ti osservavo
e le favole tue
a memoria recitavo?”

Cresciuta ora mi sento
e ti osservo ancor sempre.
Tenerezza e malinconia,
i capelli d’oro
che si fan d’argento.
Le rughe, gli occhiali
il passo lento.

“Tutto so, bambina mia,
un ricordo c’è, assai speciale
che tu non puoi ricordare.
Sulla guancia
fin che Dio vorrà,
impresso, ben posato,
è il primo bacio
che mi hai donato.”

Rosangela Gabella – poesiabiellese@libero.it

Bella addormentata

luglio2013

Profilo sud del Monte Mucrone, detto ” Maria Vittoria che dorme ”

Bella addormentata

Per voi
è il primo saluto
del mio mattino,
sguardo di velluto.

Presenti a tutte l’ore
li siete.
Amate montagne
in gruppo vivete.

Mani unite, insieme
proteggete un gran tesoro;
La Madonnina Nera
che dei pellegrini è lode in coro.

Specchio delle stagioni
è la bella Addormentata.
Dal terrazzo di casa mia,
m’appare tutta animata.

Vedo il principe Sole
scaldarla, baciarla.
Nuvole premurose, posare leggero velo
è lucciole celesti la notte vegliarla.

Non svegliarti mai ! ti prego.
delle montagne di Biella
sei la fiaba,
la più bella.

Rosangela Gabella – poesiabiellese@libero.it

Ant’ al bal

luglio2013

Li satà.

Ogni tant, na vota al meis,
mi e l’mè balarin,
a la sossa manera
j manduma via ij sagrin.

J fuma nen di grand sautun
i-s cuntetuma di na marcëtta,
d’in valser lent, düj tanghi
e na masurchëtta.

Però is na fuma na pel
a vardé sti vigiot
che ciapà ‘ nt la tampesta urmunal
a-s crëdu n’cura di giuvnot.

Arriva la “cumparsita”
tücc an pista
a ci ca strensc pü fort.

Ma j’han da fé ij cünt
cun la pansciota
al fià cürt, al südor.
Marun, as miju mac pü na buiota!

Rosangela Gabella – poesiabiellese@libero.it

« Older EntriesNewer Entries »
  • biella
    Tutte le poesie e i racconti sono forniti dai rispettivi autori o da chi ne è autorizzato. Nessun uso di esse può essere fatto senza autorizzazione. Sono inserite opere scritte da persone che vivono o che sono originarie del biellese. Tutti possono partecipare inviando una mail a biellaclub@gmail.com con: nome e cognome (o pseudonimo), e-mail da pubblicare (o eventuale link internet), testo di almeno due opere. - Sono pubblicate da 2 a 7 opere per ogni autore.